DUBAI

Eccoci nuovamente con lo stesso entusiasmo di sempre, affaccendati nel programmare l’ennesimo viaggio; stavolta la meta scelta è l’avveniristica città di Dubai.

Dubai è senza dubbio la città più entusiasmante dei sette emirati che compongono gli emirati arabi uniti, per via dell’atmosfera di sfarzo, lusso, benessere e divertimento che si respira ovunque. Visitando Dubai tutto è possibile. Pur essendo una città sorta da un’estensione del deserto arabico, si presenta come splendente, rigogliosa, con paesaggi paradisiaci da cartolina. Il maggior pregio di Dubai, è l’aver saputo sapientemente nel tempo accostare l’aridità del deserto alla freschezza del mare, l’antica tradizione delle capanne dei pescatori al progresso ed alla modernità che è sorta nell’entroterra con i grattacieli e le strutture all’avanguardia.

La nostra vacanza a Dubai, durerà ” solamente 4 giorni, visto che proseguiremo per l’ Indonesia. devo dire pero’ che i nostri 4 giorni sono stati molto intensi e sono bastati.

La parte più’ caotica la riscontriamo all’arrivo in aeroporto, una città nella città, dove si trova letteralmente di tutto e dove impieghiamo un paio di ore per il disbrigo delle formalità doganali. Verso le 23 finalmente usciamo  e per fortuna ci aspetta il nostro taxi che in 30 minuti circa ci accompagnerà in hotel, in zona JUMEIRAH.

JUMEIRAH

Come la maggior parte delle strutture di questa zona, anche il nostro hotel si presenta decisamente sfarzoso ed accogliente e quasi non vogliamo PIU’ LASCIARLO vista l’umidità presente in tutto il paese; la prima cosa che notiamo è che  in tutte le strutture chiuse di Dubai ( taxi inclusi) l’aria condizionata è altissima, quindi la differenza con l’esterno è decisamente troppa.

Disfatti i bagagli, scendiamo e chiediamo un taxi. Non ci lasciamo spaventare dall’umidità e facciamo subito un giro nel centro dove ci fermiamo all’interno di un resort per bere qualcosa; per nostra fortuna la serata si protrae fino alle 4 del mattino visto che all’interno della struttura stessa era stat organizzata una serata molto cool.

l’indomani mattina dopo poche ore di sonno, ci immergiamo nella avveniristica città i Dubai per cercare di esplorarla e conoscerla meglio.

La prima tappa la dedichiamo al Museo di Dubai.

MUSEO JUMEURAH

Vale la pena di essere visitato.  probabilmente l’edificio più antico di Dubai e lungo la sua storia è stato palazzo nobiliare, presidio militare e carcere. Oggi le sue esposizioni spaziano fra reperti archeologici, documenti sulla vita tradizionale di Dubai, foto aeree della crescita di Dubai dagli anni ’50 a oggi, e una sofisticata presentazione multimediale che ripercorre lo sviluppo della città nel corso dei decenni.Una buona introduzione per noi, della città.

Per l’ora di pranzo decidiamo di fermarci in uno della decina di ristoranti del Dubai Mall.

 

DUMAI MALL

Ci sono numerosissimi negozi di moda, elettronica, cibo, arredo casa, per tutti i gusti e per tutte le tasche. E’ talmente grande che non sembra nemmeno di essere affollato. Gironzoliamo un po’ nel più grande centro commerciale del mondo ( qui è tutto  PIU’ GRANDE DEL MONDO). Siamo davvero affascinati!  Non ci rendiamo conto ma sono già le 18; ci dirigiamo verso il Burj Khalifa perché abbiamo prenotato l’ingresso per le ore 20.

 

BURJ AL KHALIFA

E’ il grattacielo più alto del mondo (828 metri) La vista da la’ sopra è incredibile e ti fa capire cosa sta diventando Dubai. Siamo rimasti a bocca aperta da così tanta grandezza, il panorama è mozzafiato. La versione notturna è davvero incantevole, ne vale davvero la pena!

Il terzo giorno decidiamo di visitare il famoso “Acquario di Dubai” che si trova nei pressi dell’hotel Atlantis The Palm;

ACQUARIO ATLANTIS THE PALM

Uno spettacolo da lasciare senza fiato, centinaia di pesci, squali, razze, murene e tante altre specie. Siamo impazienti di entrare nel tunnel degli squali. Passeggiamo avanti e dietro per ammirare questo grande spettacolo che la natura ci ha riservato. Metri e metri di acquario sopra la nostra testa, e noi piccolissimi a osservare i pesci come se fossimo davvero con loro, sul fondo del mare. Lo spettacolo è di quelli da mozzare il fiato, e se c’è una cosa che non riuscirete a fare se vi troverete davanti a questo acquario, è quella di riuscire ad andarvene dopo pochi istanti. Resterete Incantati. Senza guardare le ore che trascorrono velocemente. Ti sembra di essere immerso in quel mare blu con oltre duecento specie marine.

Prendiamo un taxi e ci facciamo accompagnare al secondo centro commerciale più famoso di Dubai: Mall of Emirates (I taxi, a differenza di quello che pensa la gente, sono economici e capillari, si pagano a km e non a tempo. L’alternativa al taxi è sicuramente la metro: moderna, frequente e veloce, utile per raggiungere ciò che si trova lungo il suo tragitto; poco capillare ma, tuttavia, le principali attrazioni non sono lontane). E’ ormai ora di pranzo quando arriviamo e ci fermiamo a mangiare qualcosa in un ristorante, prima di dedicarci alla visita della pista di sci presente nel centro commerciale stesso.

SKI DUBAI

Verso sera, con calma raggiungiamo nuovamente il Dubai Mall per assistere allo spettacolo delle fontane alle 19:30 (lo spettacolo serale comincia dalle 18 fino alle 23, ogni 30 minuti );

Si tratta di un’opera architettonica realizzata nel centro della città araba  che ogni giorno intrattiene migliaia di persone che si recano al Dubai Mall per assistere allo spettacolo. Le fontane, che si muovono a ritmo di musica simulando con i loro spruzzi d’acqua una vera e propria danza, sono illuminate da colorate proiezioni luminose rese possibili dalle migliaia di fari che sono installati in tutta l’area della fontana. Sono le più grandi al mondo, e i getti d’acqua che producono possono raggiungere addirittura i 140 metri d’altezza. Spettacolo emozionante davvero. La serata si conclude con l’ennesima cena nel centro commerciale.

THE DUBAI FOUNTAIN

Sveglia con comodo, colazione e usciamo con l’intento di goderci una mezza giornata di mare: Direzione Dubai Marina.

DUBAI MARINA

Ci sono spiagge strettamente riservate agli ospiti degli hotels e dei beach clubs privati ma ve ne sono molte altre che sono invece accessibili liberamente a tutti. Noi le proviamo entrambe, ma ovviamente dedichiamo la gran parte del tempo in un beach clubs privato, dove noleggiamo sdraio e lettini e sorseggiando bevande fresche ci godiamo il sole.

BEACH CLUBS 

Dopo una doccia e il pranzo improvvisiamo una visita alla  Moschea di Jumeirah, l’unica a Dubai che accoglie visitatori non musulmani per sei giorni alla settimana (le donne devono indossare un foulard).Questo luogo di culto è uno degli edifici più emblematici della città: può accogliere fino a 1.200 fedeli ed è costruito interamente in pietra bianca.

MOSCHEA DI JUMEIRAH

Finita la visita prendiamo un taxi e ci facciamo portare al Madinat Jumeirah, nei pressi della “vela”;  Il posto ricorda un souk tradizionale (sebbene qui di tradizionale ci sia ben poco… è tutto finto). Il Madinat Jumeirah è un centro commerciale, né più né meno, costruito però a imitazione di una cittadina araba, con tanto di edifici con torri del vento  e souq su cui si aprono negozi e botteghe più o meno tradizionali. Certo non è un mall come gli altri visti finora, ma è un posto decisamente originale, scarsamente frequentato, che dà l’idea del luogo di pace, aiutato in questo anche dal corso d’acqua (artificiale) che gli corre intorno e che trasforma l’esterno in un elegante giardino sul cui sfondo si staglia l’inconfondibile silhouette a vela del Burj Al Arab (sfondo perfetto per ogni foto ricordo che si rispetti);

MADINAT JUMEIRAH

Ed è  proprio qui  che ci rechiamo, dopo aver acquistato dei  tipici souvenir locali. Anche noto come “la vela”, è l’hotel più alto al mondo ed uno dei più lussuosi, vantando non cinque, ma ben sette stelle. Definirlo incredibile non è esagerato con le sue 202 suite, gli otto ristoranti e possibilità di svago fuori dal comune, non ultimo gli ipad placcati in oro per avere tutte le informazioni sulla struttura. L’impatto scenografico è notevole e chiunque giunga in questo tratto di Emirati Arabi, non può fare a meno di scattare una foto con sfondo. E’ l’immagine che praticamente rappresenta Dubai. La classica vela che lascia senza fiato il cui nome in  lingua locale significa “Torre degli Arabi”.

BURJ AL ARAB ( LA VELA )

Il nostro viaggio purtroppo è quasi giunto al termine; il tempo è volato e ci dispiace lasciare questa splendida terra. La sera prima di partire ci concediamo l’ultima tappa al Suq Dell’Oro (Dubai Gold Souk) vicino al  quartiere di Deira. E’ un  mercato in cui si compra e si vende il prezioso metallo.  che oltre a essere il più grande al mondo nel suo genere, è uno dei più animati. Va da se’, quindi, che non potrete non lasciare Dubai senza averlo visitato prima e, chissà, concluso qualche buon affare. Infatti, l’oro a Dubai ha un prezzo davvero concorrenziale (si stima sia uno dei più bassi al mondo) e questo contribuisce, indubbiamente, a rendere le contrattazioni fra clienti e mercanti particolarmente vivaci: difficilmente riuscite a resistere alla tentazione di avvicinarvi a una delle scintillanti bancarelle e iniziare una trattativa per portarvi a casa gioielli di prima qualità a prezzi decisamente accessibili.

 

THE GOLD SOUK

Dubai ci ha favorevolmente sorpreso. E’ un luogo dove si viaggia in estrema sicurezza . Il clima è caldo tutto l’anno; Il paesaggio offre la possibilità di fare esperienze anche diverse : dal deserto alle montagne al mare alle oasi naturalistiche. Un ombelico frenetico, accozzaglia di razze, tavolozza di colori…. un posto da consigliare e dove tornare.

Per qualunque dubbio o per maggiori informazioni scrivetemi sulla mia pagina fb “I viaggi di Claudio”.

 

 

.